Categorie
Recensioni

Preferisco la coppa, Carlo Ancelotti (2009)

PREMESSA
Carlo Ancelotti è senza dubbio uno dei miti viventi del calcio italiano ed è rimasto nel cuore di tutte le squadre che ha allenato. In questa autobiografia si fa aiutare dal giornalista di Sky Alessandro Alciato per portare su carta innumerevoli aneddoti.

PRO
Una lettura leggera, semplice e divertente, un libro da divorare in poco tempo, piacevole nella lettura, intriso di aneddoti ben descritti che riescono a catapultarti nella dimensione del racconto, rendendoti partecipe. Carlo Ancelotti si racconta, lo fa come se si stesse rivolgendo ad un bambino, semplice nella lettura ma mai banale, ogni racconto, per quanto ilare, lascia sempre trasparire quella cultura della vita semplice emiliana.
In più, c’è anche un messaggio importante nella prefazione del libro: “Questa autobiografia è nata dalla voglia di aiutare Stefano Borgonovo e la sua Fondazione per la lotta contro la SLA. I miei compensi vanno alla ricerca perché io voglio conoscere tutto di questa malattia, ma una cosa in particolare: il modo di sconfiggere la Stronza, come la chiamava Stefano.”

CONTRO
Nessuno.

UN ESTRATTO

Una mattina alle quattro, all’aeroporto di Caselle. Tornavamo da Atene, avevamo appena fatto una figuraccia in Champions League contro il Panathinaikos ed abbiamo trovato ad aspettarci un gruppetto di ragazzi che non ci volevano esattamente rendere omaggio. Al passaggio di Zidane l’hanno spintonato ed è stata la loro condanna. Non a morte, ma quasi. Montero ha visto la scena da lontano, si è tolto gli occhiali con un’eleganza che pensavo non gli appartenesse e li ha messi in una custodia. Bel gesto, ma pessimo segnale, perché nel giro di pochi secondi si è messo a correre verso quei disgraziati e li ha riempiti di botte. Aiutato da Daniel Fonseca, un altro che non si faceva certo pregare. Paolo adorava Zizou, io adoravo anche Paolo, puro di cuore e di spirito. Un galeotto mancato, ma con un suo codice d’onore.

Questa recensione è stata pubblicata da Fabrizio De Cagno nel gruppo facebook del Circolo ILEIC.